IL DIRIGENTE SCOLASTICO

VISTO il Testo Unico di cui al D.Lgs 16 aprile 1994, n. 297;

VISTO il D.P.R. 8 Marzo 1999, n. 275, Regolamento recante norme in autonomia delle Istituzioni Scolastiche;

VISTO il D.M. 13 giugno 2007, n. 131, Regolamento recante norme per il conferimento delle supplenze al personale docente ed educativo;

VISTA la O.M. 10 luglio 2020, n. 60, recante le “Procedure di istituzione delle graduatorie provinciali e di istituto di cui all’articolo 4, commi 6-bis e 6-ter, della legge 3 maggio 1999, n. 124 e di conferimento delle relative supplenze per il personale docente ed educativo;

CONSIDERATA la necessità di regolamentare la procedura di presentazione delle domande di messa a disposizione per il conferimento di eventuali contratti a tempo determinato per l’a.s.  2021/2022;

DISPONE che il termine ultimo per la presentazione delle domande di messa a disposizione (MAD) per il personale docente è fissato alle ore 12.00 del 31/07/2021.

Tutte le domande pervenute oltre il termine indicato non saranno prese in considerazione.

Per le istanze inoltrate tramite servizio postale, farà fede il timbro dell’ufficio accettante, per quelle inviate per posta elettronica, farà riscontro la data e l’orario di inoltro mail (trasmessa tramite PEO o PEC).

Si evidenzia che la valutazione delle messe a disposizione rappresenta un caso eccezionale, in situazioni in cui, a seguito dei passaggi procedurali previsti dalla normativa vigente, nello specifico l’esaurimento della graduatoria di istituto e delle graduatorie delle istituzioni scolastiche viciniori, la scuola non sia riuscita a reperire il personale supplente. Solo in tale situazione è possibile ricorrere a soluzioni extra-procedurali, tra le quali può ammettersi la presa in considerazione di istanze informali di messa a disposizione da parte di candidati in possesso dei requisiti allo specifico insegnamento richiesto.

Le domande di messa a disposizione possono essere presentate esclusivamente da coloro che non risultino iscritti in alcuna graduatoria provinciale e di istituto e possono essere presentate per una provincia da dichiarare espressamente nell’istanza.

Le domande di messa disposizione, rese in autocertificazione ai sensi del D.P.R. n. 445/2000, eventualmente integrate se già presentate, dovranno contenere tutte le dichiarazioni necessarie per consentire la verifica puntuale dei requisiti, ivi compresi gli estremi del conseguimento del titolo di abilitazione e/o del titolo di specializzazione.

Il Dirigente Scolastico
Savino Gallo